Settanta bambini e bambine fragili
potranno praticare attività sportive
  dal 20 al 30 Novembre 2022
Lucca
Settanta bambini e bambine fragili<br> potranno praticare attività sportive

Si è chiuso con successo il crowdfunding «A tutto sport» promosso da Caritas Diocesana di Lucca con il sostegno della Fondazione «Il Cuore si scioglie» e della Sezione soci Coop di Lucca. La raccolta fondi, realizzata tra ottobre e novembre attraverso la piattaforma Eppela, era finalizzata a sostenere il progetto «Salta su» che permetterà ad almeno 70 bambini e bambine che vivono situazioni di fragilità, di partecipare alle attività sportive che preferiscono. Il traguardo, fissato a 5000 Euro, è stato superato raggiungendo i 5700 Euro che verranno raddoppiati grazie al contributo della Fondazione «Il Cuore si scioglie». Più di 50 le donazioni ricevute, da parte di tante persone che hanno deciso di sostenere il progetto attraverso raccolte, donazioni personali o con la partecipazione alle tante iniziative di promozione del crowdfunding organizzate dalla sezione soci Coop di Lucca.

Il progetto
Tutti fondi raccolti, verranno destinati ad uno dei progetti che Caritas Diocesana di Lucca dedica al contrasto della povertà educativa: «Salta su. Lo sport come azione di contrasto al rischio di esclusione sociale dei bambini». Il progetto, realizzato in collaborazione con Panathlon Lucca, Centro Provinciale Libertas Lucca, Unione nazionale veterani dello sport e i Comuni di Lucca e Capannori, coinvolge almeno 70 minori inviati dai Centri di ascolto Caritas del territorio e dai Servizi Sociali di Lucca e Capannori. I bambini, in base alle proprie preferenze, saranno inseriti nelle società sportive del territorio per partecipare ai corsi gratuitamente. Le società sportive garantiranno una compartecipazione al progetto nella forma di uno sconto o una gratuità sulla quota di iscrizione che verrà comunque coperta da Caritas. È previsto un monitoraggio dell'andamento dell'attività attraverso una rete di contatti tra operatori, famiglie e responsabili delle società al fine di sostenere l'inserimento, dare continuità alle attività, rilevare eventuali problematiche che potrebbero presentarsi.

Le dichiarazioni
Don Simone Giuli, direttore di Caritas diocesana: «Il salmo 133 recita “Ecco quanto è buono e quanto è soave che i fratelli vivano insieme”. Con questo progetto in favore di tanti ragazzi e ragazze del nostro territorio, credo stiamo concretizzando quella fraternità universale, di cui il Papa parla nell’enciclica “Fratelli tutti”. E’ una gioia quando si riesce a lavorare insieme per uno stesso obiettivo e lo è ancora di più quando lo si fa per chi si trova in situazioni di difficoltà. Lo sport è fondamentale nello sviluppo psicofisico di una persona e l’iniziativa “A tutto sport” consente ai giovani di stare insieme in modo sano, divertendosi. Un grazie a tutti coloro che hanno scelto di mettere il proprio “mattoncino”, che ha consentito di raggiungere l’obiettivo».

Sara Biagi, vice presidente della Fondazione «Il Cuore si scioglie»: «Siamo felici di constatare una grande partecipazione al progetto, sia in termini di donazioni, sia di presenza agli eventi di raccolta fondi. Segno che la rete solidale sul territorio è forte e che l’obiettivo di offrire opportunità ai più giovani è sentito da molti. Ringraziamo tutti coloro che hanno dato il loro contributo: ogni obiettivo raggiunto è un sogno che si avvera per un’associazione ed una comunità ed è uno strumento in più per realizzare momenti di inclusione e superare ogni tipo di discriminazione».